di AgileForItaly

Più studiamo, frequentiamo Meetup, conferenze, ma soprattut- to più siamo a contatto con le transizioni agile e più è evidente che i team sono in grado di produrre valore se messi nelle condizioni giuste. Il Manifesto cita nei suoi principi l’importanza di creare le condizioni per supportare team performanti che tutti i giorni sfidano il mercato.


Sempre più pensiamo a questo e sempre più il ruolo del Middle Management viene messo sotto la lente di ingrandimento
per quello che non fa.


Purtroppo non esistono ricette alchemiche in grado di metterci
nella condizione di dare il massimo e di permettere agli altri
altrettanto.


Il grosso passo che ognuno di noi deve fare al fine di fare questo salto quantico è di essere “duri con i processi e morbidi con le persone”, ma non basta più, dobbiamo anche cominciare a “comprendere gli altri” perché ognuno di noi è diverso.


Il processo di standardizzazione dei comportamenti è sicuramente affascinante ma ricorda molto le ricerche di Cesare Lombroso che voleva riconoscere i criminali dai volti delle persone.


Troppo spesso giudichiamo gli altri da comportamenti e performance invece di comprendere cosa sta alla radice e dobbiamo superare necessariamente che sia “solo lavoro”.


Le aziende innovative fanno della crescita delle persone la loro
arma migliore avendo capito che sono i singoli a partecipare al
guadagno dell’ azienda. Ecco perché gli strumenti tradizionali
di management sono in declino e poco salveremo.

Gli esseri umani sono complessi e creano reti complesse.

Chiunque di noi, Manager, Dev, PO, SM, C-Level deve allenare l’empatia ed
applicarla come strumento necessario se non il più importante.


Un Manager che comprende non è debole, anzi tutt’altro, è illuminato ed innovatore e deve portare gli altri in primis a capire i propri comportamenti, aumentare consapevolezza e quindi aiutare a correggere distonie che precludono al raggiungimento di obbiettivi. Basta pensare ai soli obbiettivi, siamo umani e gli obbiettivi vengono raggiunti se riusciamo a creare un ambiente sano e che permette la crescita dei singoli.